Anchio combatto anchio con la mia guerra, con fede, con onore e disciplina, desidero che frutti la mia terra e curo lorticello ogni mattina: lorticello di guerra E prego Iddio che vegli su di te, si vince tutto ultima estrazione oggi babbuccio mio!
Terra, ti vogliamo dominar, mare ti vogliamo navigar, il Littorio ritorna segnal di forza, di civiltà!Centurie, coorti, legioni, in piedi che lora suono!Dolenti, ancora sul versante sociologico, i tanti accenni al malcostume della corruzione, presenti in tante missive di militari che lamentano la violazione a scopo di furto dei pacchi loro inviati.LOccupazione italiana dei Balcani, di Davide Conti.Lili Marlen Canzone popolare nellEsercito Germanico, divenuta poi patrimonio comune anche dei Soldati Italiani.(A dire il vero si era razzisti anche in altri eserciti; tra gli altri anche in quello americano, specie sul fronte del Pacifico, nei confronti dei giapponesi).Battaglioni della morte Battaglioni della vita, rincomincia la partita, senza odio non cè amor.Unisci il tuo grido di libertà comincia uomo a lottar.Nondimeno il quadro che ne risulta spicca per originalità di analisi e per veridicità.Ad ogni costo, nessun ci fermerà!
Ma poi sorrido e penso a te, a te Lilì Marleen, a te Lilì Marleen.
Taciti ed invisibili partono i sommergibili!
Terra ti vogliamo dominar.O sole, o sol, possa tu sempre baciar sulla fronte invitta i figli dellUrbe immortal!I terremoti indotti dalle sconfitte in terra dAfrica e tanto più in Russia, avevano già svelato a tutti linadeguatezza del nostro apparato militare dietro il quale, lo sappiamo tutti, cè sempre un apparato politico.In questottica vanno analizzate, in particolare, le lettere che arrivano dal fronte russo, dove tanti soldati credono di combattere una guerra santa, contro un nemico senza Dio e perciò barbaro e sacrilego (un po come il Dio lo vuole delle crociate ed il Got mit.La prima, intorno a cui ruota un po tutto il libro, è quella dell analisi dei molteplici aspetti del consenso al regime, e soprattutto al suo capo.Gli umori che traspaiono da quanto scrivono i nostri soldati non sfuggono agli zelanti censori, né ai Carabinieri, né alla polizia, né ai servizi segreti.Va, la vita va, con sè ci porta, ci promette lavvenir.

Si oserà l'inosabile, l'impossibile non esiste!
Ogni vincolo, ogni ostacolo superiamo, spezziam la schiavitù che ci soffoca prigionieri del nostro Mar!


[L_RANDNUM-10-999]